Home » La verità sospetta. Gadda e linvenzione della realtà by Federico Bertoni
La verità sospetta. Gadda e linvenzione della realtà Federico Bertoni

La verità sospetta. Gadda e linvenzione della realtà

Federico Bertoni

Published 2001
ISBN : 9788806158767
Paperback
296 pages
Enter the sum

 About the Book 

La letteratura, ha detto una volta Gadda, è «lindefettibile strumento per la scoperta e lenunciazione della verità». Ma quale verità può essere «scoperta» nel mondo programmaticamente fittizio del testo letterario? Come è possibile che il discorso,MoreLa letteratura, ha detto una volta Gadda, è «lindefettibile strumento per la scoperta e lenunciazione della verità». Ma quale verità può essere «scoperta» nel mondo programmaticamente fittizio del testo letterario? Come è possibile che il discorso, la scrittura, ci forniscano una rappresentazione attendibile della realtà? Come possono trasporre sulla pagina una conoscenza del mondo che nessunaltra forma di espressione potrebbe comunicarci?È da queste domande che il libro prende lavvo- è da questi generalissimi quesiti che trae lo spunto per sviluppare una serrata, avvncente indagine attraverso uno dei territori forse più trascurati dellopera di Gadda, dove si definisce la sua primaria ambizione, la forza generativa della sua scrittura: «inventare» un modello possibile della realtà, e dunque cogliere, con le parole, la verità multiforme e sfuggente delle cose. Il percorso, che si snoda con andamento saggistico attraverso opere narrative, saggi, lettere, testi teorici e filosofici, è diviso in due parti: nella prima viene messo a fuoco il particolare «realismo» gaddiano, che trova nella rappresentazione del corpo umano uno degli obiettivi più ricorrenti e cruciali. Nella seconda, lindagine si estende ad altri aspetti e ossessioni dellimmaginario di Gadda (la madre, la casa, i gioielli, il paesaggio, ecc.), si avvale delle conclusioni raggiunte e ne cerca una verifica o unarticolazione nei luoghi in cui è maggiore la tensione conoscitiva della scrittura, per mettere in luce non tanto il celebrato virtuosismo stilistico dello scrittore, quanto la sua formidabile, spesso perturbante potenza rappresentativa, da cui sorgono immagini e apparizioni che nessuna esperienza della realtà potrebbe mai farci incontrare.